mercoledì 13 ottobre 2010

Come richiedere l'anticipo del TFR?

L'anticipo del TFR è una via da seguire nel caso si abbia necessità di liquidità per ridurre, ad esempio, l'ammontare del mutuo contratto per l'acquisto della propria casa. Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR), altrimenti detto "liquidazione", è consentito ai lavoratori dipendenti che abbiano maturato un'anzianità di servizio pari almeno ad 8 anni consecutivi con lo stesso datore di lavoro.

In un solo anno, il datore di lavoro può erogare  il 70% del TFR maturato (sul quale si pagano le imposte) al massimo al 10% dei lavoratori che ne hanno diritto (se questo numero però non supera il 4% di tutti i dipendenti). Anche il lavoratore che ha devoluto il TFR ai fondi pensione può chiedere l'anticipazione. I requisiti di anzianità sono gli stessi: gli 8 anni si calcolano sommando tutte le durate dei versamenti a forme di pensione complementare. In tal caso si può chiedere l'anticipazione fino al tetto del 75% del montante accumulato, dato dalla somma dei versamenti e degli interessi eventualmente maturati. Anche in questo caso, sulla somma ricevuta, si pagano le tasse.

Ma come si richiede l'anticipo del TFR?

L'anticipo del TFR può essere chiesto per iscritto per l'acquisto e la costruzione della prima casa del richiedente o dei suoi figli o per la ristrutturazione straordinaria della casa di proprietà. La somma viene versata al dipendente alla presentazione di copia del contratto preliminare (il cosiddetto "compromesso"), in caso di compravendita, o copia dell'atto di acquisto dell'area, della concessione edilizia, del certificato comunale di inizio dei lavori o dell'appalto, in caso di costruzione.

Entro 12 mesi dal versamento il dipendente deve trasmettere al datore di lavoro copia dell'atto definitivo di acquisto o di tutte le fatture per le spese sostenute, nel caso di costruzione e ristrutturazione, che non possono essere inferiori all'anticipazione ricevuta.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.