martedì 6 luglio 2010

La clausola dello Ius Variandi

Lo Ius Variandi è una prassi largamente in uso da parte degli istituti di credito al fine di modificare unilateralmente le condizioni contrattuali di partenza. Antonio Catricalà, Presidente dell'Antitrust, ha chiaramente detto che "va, una volta per tutte, esplicitata in modo chiaro l'inapplicabilità dello ius variandi nei contratti di finanziamento".

Il nodo principale inerisce i contratti di mutuo. Questi, anche grazie al benestare dei notai, prevedono l'applicazione della clausola dello ius variandi, in ottemperanza dell'articolo 118 del Testo Unico bancario che specifica i presupposti per le modifiche unilaterali delle condizioni contrattuali da parte delle banche.

Nella bozza di decreto di recepimento della direttiva 2008/48/Ce, relativa ai contratti di credito ai consumatori, il Ministero dell'Economia e delle Finanze ritocca anche l'articolo 118 del Tub, ma non dirime la questione in maniera definitiva.

Il problema, di natura squisitamente interpretativa, potrebbe essere risolto con una semplice modifica del testo normativo,escludendo dalla facoltà di modifica unilaterale almeno i contratti a tempo determinato, quali mutui, aperture di credito, leasing e prodotti similari.

Con un pizzico di buon senso, cosa che notoriamente è avulsa ai burocrati di casa nostra, il notaio Pier Luigi Fausti di Bergamo ha proposto di sostituire, nel primo comma dell'articolo 118, le parole "nei contratti di durata" con "nei contratti a tempo indeterminato". Sostituire queste poche parole significherebbe eliminare alla radice il dubbio interpretativo che neanche una precedente circolare ministeriale (la numero 5574/2007) emanata dal Ministero dello Sviluppo Economico, era riuscita a dipanare efficacemente.

Questa soluzione piace molto all'Antitrust ma non all'Abi che, infatti, si è riservata di proporre, in occasione della prevista audizione in commissione al Senato, l'applicazione della clausola dello ius variandi anche ai contratti a tempo determinato come i mutui.

L'Abi, a tal fine, ha chiarito che l'accettazione della proposta da parte degli organi competenti, non riguarderebbe le condizioni economiche del contratto, ma le spese accessorie, soggette nel tempo, ad eventuali variazioni. Tra queste ha menzionato le spese per l'invio dell'avviso di pagamento delle rate.

Nel frattempo, come segnalato dal settimanale d'informazione economica de "Il Sole 24 Ore", "Plus 24", arrivano i primi casi di banche che modificano anche i tassi d'interesse, attraverso l'elevazione dello spread.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.