lunedì 26 dicembre 2011

Cosa è il funding?

Cosa è il funding? Con il termine funding si intende la raccolta di denaro da parte di una banca, operazione che avviene attraverso vie differenti: con i depositi della clientela, con l'emissione di Bond, oppure facendosi prestare soldi da altre banche ricorrendo al mercato interbancario. Il costo della raccolta, cioè il tasso che si versa per ricevere fondi in prestito è fondamentale per la redditività di una banca e anche per determinare il prezzo al quale poi il denaro viene concesso alla clientela. Diversi indicatori segnalavano ancora nelle ultime settimane difficoltà per alcuni istituti europei nel reperire il denaro attraverso il canale interbancario. La Bce ha ripristinato i flussi di liquidità. Tutto questo bailamme, che al consumatore medio poco o nulla interessa ma che è, a ben vedere, un pilastro fondamentale per l'intera economia bancaria e non, inerisce la natura stessa dell'intermediazione. Perché le banche cercano denaro? Raccogliere e far girare il denaro è una funzione molto importante degli istituti di credito tanto quanto la protezione del denaro, la fornitura di prestiti alle imprese, ai privati e agli enti locali. Il margine di interesse, cioè fra quanto costa raccogliere e quanto si riesce ad ottenere prestando, costituisce una delle voci principali del conto economico. In questo momento particolare, le esigenze di patrimonializzazione hanno tempi molto ravvicinati. E' necessario un certo equilibrio fra la raccolta e gli impieghi, infatti, troppa raccolta rispetto agli impieghi può generare un disequilibrio di gestione. Non avere soldi da prestare, vuol dire perdere clienti. Aver preso troppi impieghi di prestito e non avere denaro è gravissimo per una banca. Più in generale, per l'intera economia, ridurre la capacità di prestito delle banche vuol dire non supportare imprenditori e famiglie in momentanea difficoltà.  Gli impegni di pagamento fra privati possono slittare o peggio non essere onorati. La crisi di un soggetto non solvibile alimenta la morosità di altri. Non avere soldi da prestare vuol dire, ad esempio, negare mutui e rendere, in tal modo, difficile o addirittura impossibile, acquistare o ristrutturare un immobile. In questo particolare momento storico, la crisi dei debiti sovrani di diversi Paesi europei ha innalzato i rendimenti dei titoli di Stato. Quindi anche gli altri soggetti in cerca di denaro devono corrispondere un interesse maggiore. Il peggioramento dei rating comporta anche che alcuni investitori istituzionali si tengano alla larga da diverse banche. Più concorrenti alla ricerca di denaro, meno investitori disposti a rischiare il proprio denaro, sfiducia nel futuro. Un mix che si trasferisce nei prezzi del denaro e dei rendimenti.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.