mercoledì 2 aprile 2008

Il fisco penalizza i prestiti tra privati a favore del sistema bancario

Forse non tutti sanno che il fisco, in Italia, è particolarmente invasivo, anche nei rapporti tra soggetti privati (anche tra parenti strettissimi quali possono essere padre e figlio).

I mutui bancari sono agevolati dal fatto che, se durano oltre 18 mesi, ovvero sono mutui a medio-lungo termine, ogni imposta che normalmente sarebbe dovuta (imposte di registro, ipotecaria e di bollo) è sintetizzata in un'unica imposta, detta "imposta sostitutiva", dovuta nella misura dello 0,25%, da calcolare sull'importo del mutuo erogato.

Invece, per i mutui concessi da un privato, si debbono pagare, oltre che un bollo per ogni quattro facciate del contratto di mutuo, tutte le imposte elencate di seguito: a) l'imposta di registro nella misura del 3% sull'importo del capitale erogato, a meno che i contraenti intendano risparmiare violando l'obbligo di registrazione, ma, in seguito potrebbero dover pagare una consistente multa qualora vi sia una causa giudiziaria nella quale il contratto di mutuo debba essere esibito, come accade nel caso in cui il mutuatario non paghi le rate; b) l'imposta di registro nella misura dello 0,50% sull'importo della garanzia concessa (che può essere un'ipoteca o una fideiussione); c) l'imposta ipotecaria nella misura del 2% sull'importo della garanzia concessa.

Un altro svantaggio fiscale ai danni dei soggetti privati risiede nell'impossibilità, per il mutuatario, di detrarre dall'Irpef gli interessi passivi pagati al mutuante. Questa possibilità è, infatti, prevista solo nel caso in cui il mutuo sia stato erogato da una banca e per il quale sia stata iscritta ipoteca.

Infine, non va dimenticato che, così come la banca ha un reddito nel percepire gli interessi dal mutuatario, che, di fatto, concorre a formare il reddito d'impresa sul quale la banca stessa calcolerà le proprie imposte a fine esercizio, anche il privato che presta i soldi, e percepisce un interesse, consegue un reddito di capitale che va esposto nella dichiarazione annuale dei redditi.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.