mercoledì 26 settembre 2007

Private Equity Funds: conviene veramente investire i propri soldi in questi fondi?

La domanda posta nel titolo, ovviamente, tiene conto della particolare situazione economica in cui versano i mercati finanziari a livello mondiale. I Private Equity Funds sono dei fondi attraverso i quali gli investitori apportano capitali all'interno di società non quotate in Borsa. Queste società, per lo più in grado di generare enormi flussi di denaro, a scadenza (di solito un Private Equity Fund ha una vita che va dai 5 ai 30 anni), corrispondono ai clienti un guadagno, (tecnicamente definito plusvalenza), derivante dalla vendita della partecipazione azionaria di questi ultimi.
Un fondo appartenente alla famiglia degli Equity può compiere dai 7 ai 25 investimenti nell'arco della propria vita, in funzione della dimensione delle aziende in cui investe. Al di sotto della soglia di 7 investimenti diviene molto alto il rischio che uno di essi vada male e influisca negativamente, ed in maniera consistente, sul rendimento di tutto il fondo. Com'è ovvio, al crescere del numero degli investimenti, cresce la dimensione della squadra di gestione e di conseguenza la dimensione del fondo stesso. Gli Equity Funds sono gestiti da apposite società,
chiamate Sgr (Società di gestione del risparmio), che in alcuni casi possono rilevare dagli investitori le quote dei fondi di private equity che questi vogliono cedere, sia per ragioni di performance, sia perché il fondo ha esaurito la generazione di valore e l'investitore ha, magari, intravisto alternative di investimento più allettanti.
E' necessario rivolgersi a società di gestione di dichiarata fama e prestigio, per evitare di incorrere in seri problemi. Tra le più importanti al mondo citiamo la Carlyle Group, fondata nel 1987 da William E. Conway Jr, Daniel A. D'Aniello e da David M. Rubenstein, e la Noventi Ventures che è una società di venture capital fondata da Giacomo Marini, con sede nella Silicon Valley.

Perché secondo noi non conviene investire in Private Equity Funds?

La minaccia posta dai private equity funds è concentrata nelle loro operazioni di "leveraged buy-out" (LBO), che sono delle vere e proprie scalate compiute con un forte indebitamento, con il 60% o anche 80% dei capitali prestati dalle banche. Dopo l'acquisizione di questi fondi, il debito viene scaricato sull'impresa acquisita. Questi debiti aumentano di molto la vulnerabilità delle imprese, in particolare a fronte di un aumento dei tassi d'interesse. Il rischio di perdite di denaro molto consistenti è tremendamente concreto! I piccoli e medi risparmiatori è meglio che ne stiano alla larga!

APPROFONDIMENTI: I parenti stretti dei Private Equity Funds, gli Hedge Funds: investimenti ad altissimo rischio!
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.