martedì 12 aprile 2011

Come incide sui mutui l'aumento dei tassi Bce?

Come incide sui mutui in corso l'aumento dei tassi Bce? All'indomani dell'aumento di un quarto di punto del costo del denaro, da parte della Banca Centrale Europea, è lecito chiedersi quali potranno essere gli effetti sulle rate dei mutui sottoscritti dagli italiani. In linea di massima, per ciò che attiene i mutui ventennali a tasso variabile, l'incidenza sarà pari a circa 15 o 20 euro sulla rata in scadenza a maggio ma le previsioni da qui ad un anno, da quanto si evince da una ricerca condotta da "Corriere Economia" (ipotesi mutuo variabile da 100.000 euro - Euribor 3 mesi + 1,50%), si proiettano verso scenari abbastanza inquietanti che lasciano presagire rincari assai consistenti. Già solo l'aumento di mezzo punto determinerebbe un rincaro variabile tra 35 e 37 euro. L'aumento di 1 punto percentuale porterebbe la rata molto più in alto con variazioni che potrebbero oscillare tra i 61  e i 75 euro. L'impatto sui mutui, di un aumento dell'1,5%, sarebbe ancora più sconveniente con rincari che ammonterebbero a circa 87 euro nella migliore delle ipotesi e a circa 114 euro nell'ipotesi più nefasta. In ultima analisi, si è tenuto conto di un pressoché improbabile aumento di 2 punti percentuali dei tassi Bce. In quest'ultimo caso i rincari oscillerebbero tra i 113 e i 152 euro al mese.

La ricerca di "Corriere Economia", però, ha tenuto conto anche dei mutui trentennali e lo scenario, tutto sommato, non è particolarmente diverso.  La simulazione è stata effettuata sempre su mutui variabili da 100.000 euro agganciati all'Euribor 3 mesi + 1,60%. I rincari per ciò che attiene la rata di maggio vanno dai 17 ai 20 euro, quindi in linea con i mutui variabili ventennali; l'aumento di 0,5 punti base del costo del denaro provocherebbe rincari che vanno dai 38 ai 39 euro al mese; un incremento di 1 punto percentuale farebbe schizzare le rate all'insù, in media, di circa 75 euro. L'1,5% in più provocherebbe aumenti delle rate variabili dai 106 ai  118 euro. Infine, nella peggiore delle ipotesi, che tiene conto di un improbabile aumento del 2% dei tassi Bce in un anno solare, causerebbero aumenti variabili tra i 140 e i 158 euro. Dei veri e propri salassi insomma ma, come sostiene Roberto Anedda di MutuiOnline, "nella realtà, anche nel caso gli aumenti si mantenessero nei limiti pessimistici indicati da questa simulazione, non dovrebbero esserci problemi drammatici per i debitori che non abbiano subito un peggioramento sensibile della propria situazione reddituale". Questa considerazione tiene conto del fatto che i mutui erogati fino al 2007 al massimo potranno tornare ad avere rate a livello di quelle iniziali e che, quindi, all'epoca erano sostenibili.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.