giovedì 21 aprile 2011

149 miliardi di prestiti a rischio!

La recessione economica che ha imperversato a livello globale fin dal 2008 non cessa di far sentire i suoi strascichi, soprattutto nelle fasce più deboli della popolazione, che a fronte di prestiti contratti, anche in quantità considerevole, per far fronte alle più svariate esigenze, ora si trovano a non poter onorare le obbligazioni assunte. Il quadro complessivamente preoccupante a livello europeo, lo è ancor di più se si considera la realtà che sta vivendo il nostro Paese. Il sistema bancario nazionale si trova a dover fare i conti con un fardello di ben 149 miliardi di euro lordi di prestiti deteriorati, un numero che non dice molto in termini assoluti, ma che vale, mediamente, il 10% del totale dei crediti erogati dai nostri istituti di credito. A livello netto il totale dei prestiti difficilmente recuperabili scende a 79 miliardi. Il dato è impressionante e lo è ancor di più se si prende in esame qualche esempio concreto come nel caso di UniCredit. Solo nel 2008 i crediti deteriorati lordi del gruppo di Piazza Cordusio ammontavano ben a 42 miliardi di euro. L'anno dopo erano saliti di ben 16 miliardi a quota 58 miliardi e nel 2010 si è toccato il picco di 67 miliardi, un'escalation incredibile ed inarrestabile! Non che le altre banche se la passino meglio: le sofferenze nette sono aumentate, solo nel corso del 2010, per tutte a doppia cifra. Il tasso di crescita dei prestiti di più difficile rientro è stato del 17% per IntesaSanpaolo; del 25% per Ubi; del 23% per il Banco Popolare; del 15% per UniCredit e del 13% per Mps.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.